Se non visualizzi il messaggio in maniera corretta clicca qui



 Newsletter
Ottobre 2011
  Sommario  

Notizie del Polo
Ricerche e Collaborazioni
Lettere
Tirocini e Tesi di Laurea
Convegni
Rassegna Stampa
Date Utili

 Notizie del Polo   ↑ Top  

Corso per lo sviluppo in HTML5 orientato al Mobile

Il boom degli Application Store a cui stiamo assistendo da un paio di anni potrebbe far pensare ad un futuro basato prevalentemente sulle Applicazioni native. Ma il "vecchio" mondo del Web non sta a guardare: l'avvento della versione 5 dell'HTML inizia a ridurre, infatti, il gap - in termini di user experience e opportunità per gli sviluppatori - tra Applicazioni e Mobile site, pur continuando a garantire l'universalità dell'accesso, vero grande punto di forza del modello Browser-centrico.
Con questa premessa, il Polo di Cremona del Politecnico ha organizzato un corso che offra le basi per un approccio strutturato alla conoscenza dell'HTML5 con particolare attenzione al contesto Mobile. Il corso è rivolto a sviluppatori e designer Web e Mobile, professionisti, manager e imprenditori impegnati nella transazione verso questa nuova tecnologia, coscienti che sarà un linguaggio di sviluppo di rilevanza fondamentale e interessati fin da subito a:

  • conoscere le specifiche tecniche dell'HTML5 con particolare riferimento all'applicazione in contesto Mobile;
  • conoscere lo stato dell'arte dello sviluppo in HTML5 e dei browser che supportano le diverse funzionalità dell'HTML5;
  • cogliere le opportunità introdotte da questa nuova tecnologia.
Il corso avrà una durata di 5 giornate e si terrà presso la nostra sede tra la fine di gennaio e la fine di febbraio, al venerdì o al sabato.
Per ulteriori informazioni contattare i numeri 0372.567702 - 0372.567700.
Cliccare qui per scaricare la locandina del corso.


Borse di studio - Percorsi di Eccellenza, al via la quarta edizione, conclusa la prima

Sabato 26 Novembre presso l'Aula Magna del Polo, si svolgerà la cerimonia di consegna di 10 borse di studio legate ai Percorsi di Eccellenza. Questa iniziativa, giunta con successo ormai al IV anno, prevede una borsa di studio di tre rate (una per ogni anno di corso) cui è collegato un percorso di formazione avanzata.
Con le ultime sessioni di laurea, si è conclusa la prima edizione per alcuni brillanti studenti. Abbiamo chiesto direttamente a loro un commento su questa opportunità.
"Oltre a fornirmi un tangibile sostegno economico di 5000 euro - afferma Riccardo Ancona - l'iniziativa mi ha permesso di avere degli incontri con personalità di spicco del settore imprenditoriale, di poter frequentare corsi e workshop che mi hanno permesso di poter sviluppare meglio il mio lato manageriale e alcune tra le soft skills più importanti, come il lavoro in gruppo e le capacità direzionali."
"Eccetto il corso di inglese relativo al Toefl, in quanto già in possesso dell'equivalente certificato FCE, ho frequentato tutti i corsi di formazione avanzata (Knowledge Management & Customer Relationship Management, ecc...) erogati nel fine settimana e mi sono impegnato nei tirocini estivi correlati ai Percorsi di Eccellenza. - spiega Jacopo De Stefani - I corsi extra-curricolari mi hanno permesso di integrare la mia formazione prevalentemente informatica con tematiche relative all'economia e alla gestione aziendale, arricchite dall'esperienza personale di diversi imprenditori, le quali penso mi risulteranno molto utili in ottica futura nel mondo lavorativo. Inoltre, l'esperienza di stage presso l'azienda CsaMed mi ha permesso di applicare sul campo le nozioni apprese a lezione, ma anche di poter comprendere il funzionamento di un'azienda del mio settore d'interesse dall'esterno."
"Gli stage sono stati fondamentali. - sostiene Cristian Sidoti - In gran parte dei casi ti permettono di mettere a confronto mondo lavorativo e mondo universitario dandoti soddisfazioni personali che integrano le soddisfazioni che ti può dare il buon esito di un esame.
I corsi brevi mi hanno dato nozioni in più rispetto a quanto previsto dal piano di studi, soprattutto quando hanno incluso gli incontri con i manager."


Boom del Campus di Cremona

Il Polo di Cremona del Politecnico, grazie alla qualità della formazione e un contesto molto adatto allo studio, conferma la sua attrattività con un incremento del 22% delle immatricolazioni. In dettaglio, il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale registra un incremento pari al 10% mentre per informatica è del 36% rispetto allo scorso anno.
"Gli iscritti sono in costante aumento. Il corso di informatica quest'anno ha avuto un balzo in avanti sulle immatricolazioni - afferma il prorettore Gianni Ferretti - ma sono ancora pochi rispetto alle prospettive occupazionali offerte. Purtroppo per ingegneria informatica c'è ancora da sfatare un luogo comune che vuole il percorso informatico meno creativo di quello gestionale, più tecnico. Cosa che in realtà non è vera."
Riguardo alle motivazioni che spingono gli studenti a scegliere il Politecnico e il Polo cremonese, Valerio, nonostante sia della provincia di Roma, si è iscritto al Politecnico "sicuramente per il prestigio di cui gode questa università. Ingegneria Gestionale al Politecnico è rinomata per la sua eccellenza rispetto ad altri atenei italiani. Ho scelto Cremona per il rapporto studenti/professori vantaggioso e perchè è una città dai costi ridotti."
Anche Lorenzo, che proviene dalla città in cui è nato l'Ateneo, ha scelto la "comodità" delle sede decentrata: "Abitando a Milano ho ben presente la situazione poco favorevole della metropoli. Venendo all'open day di Cremona mi sono reso conto che qui ci sono condizioni più favorevoli allo studio. Inoltre ho scelto il Politecnico perchè tra le varie università in Lombardia è quella che favorisce servizi e preparazione migliore. Ho anche notato che in rapporto alla qualità è fra le più convenienti in termini economici."


Nuova gestione al bar del Politecnico

Marco alla gestione, Silvia al bancone, Maurizio ai fornelli. Questa è la nuova squadra del bar-mensa del Politencnico, una formazione promettente, cui si aggiungono diversi collaboratori come Roberto ai panini e in futuro gli stagisti della scuola alberghiera di Cr.Forma. Basta un caffè e due chiacchiere per capire che si tratta di persone appassionate al proprio lavoro, ma anche affiatate e piacevoli.
Essendo già attivi alle 7.30, anche gli studenti che arrivano in sede tempo prima delle lezioni possono iniziare bene la giornata con una buona colazione e sarà loro assicurata la possibilità di allietare i momenti di pausa per tutta la giornata, persino al sabato.
A pranzo, non mancherà l'occasione di assaporare tutta l'esperienza proveniente dalla ristorazione con ricette speciali come la torta fritta o come il soufflè di grana fino al risotto al radicchio, gutturnio, salsiccia e pecorino di fossa. Festività e iniziative che si svolgono in città potranno essere uno spunto per ricette a tema: Maurizio ha già promesso il semifreddo al torrone in occasione della festa del Torrone. Dalla primavera, quando tornerà il caldo, si potrà concludere la giornata con un buon aperitivo.
Un occhio di riguardo è stato posto anche all'organizzazione degli spazi e della linea del self service in modo da diminuire i tempi d'attesa.
"I nuovi gestori sono molto simpatici" dice Andrea, studente di ingegneria, "Il menù a soli 5€ mi sembra decisamente vantaggioso. Si mangia bene, il servizio è ottimo, sono molto veloci".
Silvia del bar dichiara: "Siamo sinceramente entusiasti, innanzitutto della cortesia e disponibilità dei clienti ma anche del personale che ci sta supportando. Ho lavorato in diversi posti ma qui si sta veramente bene. La sera torno a casa soddisfatta".

 Ricerche e Collaborazioni   ↑ Top  

Il laboratorio LOOMS del Campus ottiene un nuovo riconoscimento

A seguito dell'attività portata avanti da tempo da uno dei laboratori del Polo di Cremona, il LOOMS (Laboratory of Object-Oriented Modelling and Simulation), ilPolitecnico di Torino ha richiesto il contributo del Politecnico di Milano nell'ambito di un grande progetto internazionale.
Tale progetto, denominato ITER, mira a dimostrare che è possibile produrre energia su scala industriale dalla fusione nucleare controllata dell'idrogeno, aprendo la strada ad impianti che potrebbero produrre energia in maniera continuativa senza emissioni di CO2 e senza produrre scorie radioattive come negli impianti a fissione oggi esistenti.
Per ITER, il Politecnico di Torino si è occupato della modellazione dei magneti superconduttori, mentre il Politecnico di Milano, grazie al contributo del prof. Francesco Casella, ha realizzato la modellazione dinamica dei circuiti criogenici di raffreddamento di questi magneti, ovvero pompe, valvole, scambiatori e serbatoi. Il modello è stato sviluppato personalizzando, al contesto dei sistemi criogenici, la libreria ThermoPower (sviluppata dal 2002 per sistemi energetici termoelettrici quali impianti a carbone, cicli combinati, impianti nucleari, impianti solari, ...).
"Sono pienamente soddisfatto di questo lavoro" - dichiara Francesco Casella, responsabile del progetto - "la validazione dei modelli da noi progettati, attività che consiste sostanzialmente nel replicare i risultati sperimentali di un impianto di laboratorio, ha dato da subito risultati eccellenti".
Questa prima fase di validazione è stata presentata, a metà Ottobre, ad una conferenza internazionale tenuta al CERN di Ginevra, mentre entro fine anno si avranno i risultati dell'uso di questi modelli accoppiati ai modelli dei magneti, sviluppati a Torino, per studiare il comportamento di ITER.

 Lettere   ↑ Top  

Intervista a Riccardo Ancona, neolaureato in Ingegneria Informatica

Ciao Riccardo,
eccoti giunto alla conclusione della tua carriera triennale qui a Cremona.
Sei soddisfatto della scelta che hai fatto tre anni fa?
Sono molto soddisfatto: se all'inizio avevo avuto qualche incertezza poichè io vivevo a Palermo, una città molto più grande e movimentata, adesso lo rifarei senza pensarci due volte. Ho vissuto davvero tre anni proficui e divertenti. A riprova del fatto che considero il Campus di Cremona molto più adatto a studiare rispetto ad una sede di una grande città, ho voluto provare al terzo anno a frequentare una materia al Campus Leonardo ma le comodità che ho trovato qui a Cremona sono di inestimabile valore.
La vita universitaria è stata come te l'eri immaginata?
No: è andata meglio del previsto! Vivendo in una città piccola a misura d'uomo pensavo che alla lunga non avrei fatto tante amicizie, invece ne ho fatte tante e ho conosciuto moltissime persone, sia colleghi che professionisti, nei contesti più disparati: devo dire che è stata veramente una bella esperienza, che mi ha dato moltissimi spunti per il futuro.
Hai partecipato attivamente alle attività del Campus di Cremona?
Si, ho cercato di darmi da fare per essere attivo anche da un punto di vista meno didattico e più pragmatico: ho partecipato anche ad attività sportive, come il torneo intersedi di calcio a 5. Ho inoltre partecipato per due anni consecutivi al bando di collaborazione con il Politecnico per 150 ore, nei quali ho fatto lavori più disparati, dal fare il relatore a sessioni di orientamento per i ragazzi della scuola superiore, fino a servizi di tutoring per le matricole, passando per l'ideazione e lo sviluppo di progetti riguardanti ingegneria informatica da mostrare agli studenti in occasione degli Open Day, come un braccio robotico e un videogioco per pc controllabile con wii nunchuk.
Quali aspetti degli studi in ingegneria informatica ti sono piaciuti di più?
L'ingegneria Informatica è una tra le branche dell'Ingegneria più interdisciplinari e nella quale è richiesta più creatività: essendo l'informatica al servizio di moltissimi settori, un progetto che includa una parte informatica e che abbia al proprio interno del software deve necessariamente interfacciarsi con hardware più disparato e nel modo più vario. Per questo motivo, in tutti i progetti nei quali mi è capitato di collaborare, ho dovuto attingere alle materie che ho affrontato in questi tre anni, dall'elettronica all'ingegneria del software, passando per automatica e telecomunicazioni, declinandole in maniera creativa e per nulla ripetitiva. Chi pensa che Ingegneria sia un percorso di studi che non dà spazio alla creatività si sbaglia di grosso: essa è presente costantemente in tutti i progetti nei quali è necessario trovare una soluzione brillante e nuova, e molti professori tarano i loro compiti scritti su questo principio, ovvero pochi calcoli ma "creativi" appunto.
Ora cosa farai? Proseguirai gli studi a Milano?
Proseguirò i miei studi in Ingegneria Informatica per la Laurea Magistrale a Milano, e al tempo stesso inizierò a partecipare ai seminari del Politecnico alla ricerca di un posto in una azienda.
Cosa ti mancherà di Cremona?
La fidanzata, gli amici e un ambiente favorevole allo studio e al divertimento.
Se dovessi descrivere questi tre anni con tre parole?
Studio, Passione e Divertimento.


Intervista a Cristian Sidoti, neolaureato in Ingegneria Gestionale

Ciao Cristian,
110 e Lode, congratulazioni per l'ottimo risultato!!!
Un commento a caldo dopo la discussione della tua tesi?

L'ansia era inferiore a quanto non mi aspettassi. E'stata una grande emozione, sono soddisfatto!
Guardando indietro, rifaresti la stessa scelta che hai fatto tre anni fa?
Certo, senza ombra di dubbi. In questi due mesi ci ho pensato veramente tanto e mi rispondo sempre si. L'esperienza che ho vissuto qui mi è servita molto; l'ambiente "Politecnico" mi ha formato e mi ha dato tante opportunità. Qui ci sono servizi utili come la biblioteca, le aule studio, un campus accogliente, ma devi essere tu a cogliere le opportunità che ti vengono date, tutto dipende da te.
Cosa ti ha spinto a trasferirti da Capo d'Orlando a Cremona?
La possibilità di avere un appoggio famigliare (sono stato da mia sorella) mi ha dato sicurezza nello scegliere la sede in cui frequentare, anche se la scelta di iscrivermi al Politecnico l'avrei fatta a prescindere.
Hai dovuto superare molti ostacoli durante il tuo percorso universitario?
Non molti. Gli ostacoli diventano tali quando non ti senti sicuro nell'affrontarli, tutto dipende dalle motivazioni, dagli obiettivi che ti poni. Infatti io ragiono per obiettivi cioè mi prefiggo un traguardo più importante che si può suddividere in tanti obiettivi più piccoli che cerco di raggiungere quotidianamente.
L'aspetto più impegnativo e quello più divertente dello studiare ingegneria?
Il più impegnativo: ci vuole metodo di studio; non serve solo averlo ma riuscire ad utilizzarlo con continuità. Il mio personale metodo di studio, che posso consigliare agli altri, è seguire con assiduità le lezioni, ascoltando il docente e rielaborando ogni giorno quanto appreso a lezione, non limitandosi ad uno studio individuale ma dando spazio ad un confronto critico con i propri colleghi.
Il più divertente invece: individuare e capire i problemi di varia natura (matematici, economici, scientifici in generale), circoscriverli e sfruttare tutte le tue conoscenze per trovare una soluzione.
Cosa ti mancherà di più del Campus di Cremona?
La gentilezza e la disponibilità del personale del Campus, ma proprio di tutto il personale!
E naturalmente sentirò la mancanza di tutti i colleghi, compagni e amici con cui ho condiviso ansie e divertimenti.
Ed ora cosa ti aspetti?
Una nuova esperienza che va oltre le porte di Cremona, a Milano dove intraprenderò un nuovo ciclo di studi frequentando il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale.
Noi vi ringraziamo per la serietà e l'impegno che avete dimostrato non solo nei confronti dello studio ma anche della vita universitaria e vi auguriamo un brillante futuro lavorativo!!!

 Tirocini e Tesi di Laurea   ↑ Top  

Applicativo iPad per l'Applied Behavior Analysis su bambini autistici
Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica di Michele Amori
Relatore Prof. Luciano Baresi
Correlatori: Prof. Giovambattista Presti, Ing. Edoardo Vannutelli DePoli

La tesi che ho discusso riguarda la progettazione e realizzazione di un applicativo iPad rivolto ai bambini autistici ed agli operatori del settore. Il prodotto si pone come strumento d'aiuto nel processo educativo dei bambini affetti da autismo, patologia che si manifesta solitamente nei primi tre anni di vita compromettendo le aree dell'interazione sociale, della comunicazione e del comportamento.
Il progetto è nato dall'idea di un team di psicologi dell'università IULM di Milano, guidati dal prof. Giovambattista Presti. L'idea è quella di applicare i meccanismi dell'analisi comportamentale applicata (ABA) avvalendosi di uno strumento altamente attrattivo e stimolante dal punto di vista dell'interazione - quale è l'iPad - e unendo al contempo le capacità elaborative e di memorizzazione tipiche di un computer.
L'Applied Behavior Analysis, per la patologia dell'autismo, prevede di sottoporre il bambino a un insegnamento intensivo di alcuni semplici concetti che in condizione di normalità sarebbero assimilati in modo immediato.
Il software consente di eseguire una serie di interazioni guidate (prove) presentando sullo schermo stimoli grafici - con l'ausilio di animazioni d'aiuto e suoni di rinforzo - e registrando il comportamento del bambino alle richieste che gli vengono presentate dagli operatori. Le prove si suddividono in tipologie volte a stimolare capacità differenti come l'interazione intraverbale ed il riconoscimento e l'associazione tra oggetti. Con grande versatilità gli operatori possono creare direttamente sul dispositivo e sottoporre sessioni di prove opportunamente studiate e riapplicabili a più bambini, i quali possono fruire di questo insegnamento facilitato - e in parte affascinati - dall'utilizzo dello strumento. Fondamentale è la funzione di reportistica, associata allo svolgimento di ogni sessione, che consente di tenere traccia del progresso per ogni singolo bambino e permetterà agli educatori di effettuare precise analisi quantitative e statistiche al fine di migliorare ulteriormente questo approccio educativo.
I test sul campo avvenuti presso il centro Kairòs di Piacenza hanno avuto esiti molto positivi e sono già avviati i lavori di ampliamento del progetto, anche con versioni diversificate, nell'ottica della distribuzione tramite AppStore.
Colgo l'occasione per ringraziare del supporto il prof. Luciano Baresi e l'Ing. Edoardo Vannutelli nonchè i colleghi dell'università IULM per la fattiva e continua collaborazione.


Il Customer Relationship Management nella vendita di servizi Telco
Tesi di Laurea in Ingegneria Gestionale di Cristian Sidoti
Relatore Prof. Filippo Renga

Da diversi anni a questa parte i forti cambiamenti del contesto economico (globalizzazione, rallentamento economico, crescita della concorrenza internazionale) hanno fatto si che il successo di un'azienda non dipendesse più dalla sola capacità di riuscire a sviluppare nuovi prodotti e renderli disponibili in tempi brevi e costi ridotti, bensì dall'abilità nello stabilire relazioni durature con la clientela. Il riuscire a sviluppare relazioni costruttive con l'acquirente, fidelizzandolo nel tempo, permette di generare valore non solo per l'impresa ma anche per il cliente stesso. Nasce dunque la necessità di avere a disposizione una serie di strumenti tecnici e metodologici che impattino sul modo di lavorare degli operatori e conseguentemente sulla gestione della relazione con il cliente. Con strumenti tecnici si vuole intendere una serie di leve tecnologiche che fungono da fattore abilitante per una strategia orientata al cliente e che prende il nome di Customer Relationship Management.
Il lavoro di tesi svolto è collegato a un'esperienza figlia di un progetto CRM avviato presso l'azienda di telecomunicazioni Aemcom S.r.l, società di servizi che dal 2002 fornisce connettività a banda larga, telefonia e servizi integrati alla provincia di Cremona. Ciò che ha spinto Aemcom ad avviare tale progetto è stata la necessità di avere a disposizione uno strumento che fosse in grado di supportare l'azienda a seguito dell'aumento del parco clienti e della proposizione di una più ampia ed articolata gamma di servizi rispetto al passato.
Lo sviluppo del lavoro di tesi ha avuto dunque i seguenti macro obiettivi: individuare e valutare i miglioramenti del processo di Gestione Ordini in AemCom, a seguito dell'introduzione del nuovo strumento CRM nel contesto aziendale; individuare uno schema per la valutazione delle performance atto a fornire una prima valutazione dei risultati, al fine di verificare iniziali miglioramenti e/o peggioramenti legati al cambiamento.
Il lavoro è stato svolto in modo da presentare sia un carattere teorico/compilativo, relativo alla necessaria descrizione delle determinanti di una strategia di Customer Relationship Management, sia un forte risvolto concreto e progettuale connesso ad un'esperienza vissuta in un reale contesto aziendale.
A conclusione del lavoro di tesi, l'analisi svolta ha permesso di evidenziare che: l'introduzione del nuovo applicativo CRM ha portato alla riduzione di alcune problematiche preventivamente evidenziate nell'analisi della situazione as is; la parziale riprogettazione del processo di gestione ordini, coerentemente con le specifiche della soluzione tecnologica adottata, ha favorito il miglioramento della produttività della forza vendita nonchè della gestione del contatto con il cliente; l'applicazione dello schema di valutazione proposto ha permesso di monitorare gli sviluppi iniziali del contesto aziendale in seguito all'introduzione del sistema informativo, dimostrando i risultati positivi legati all'uso del nuovo CRM.


Calibrazione per l'utilizzo metrico di un microbolometro non raffreddato
Tesi di Laurea in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio di Michele Ongaro
Relatore Prof. Livio Pinto

Il microbolometro non raffreddato è il dispositivo principale delle termocamere: permette di studiare lo spettro luminoso nel campo dell'infrarosso termico (lunghezza d'onda compresa fra gli 8 e i 14 µm) proveniente da un qualsiasi oggetto; il risultato dello "scatto" è una matrice di temperature che viene convertita in un'immagine con falsi colori ai quali è associato uno specifico livello termico. Oggi, nonostante la precisione delle termocamere (0,2 °C), le "termo immagini" vengono per lo più utilizzate al solo scopo qualitativo.
Per tale motivo era necessario ideare un sistema che rendesse possibile l'utilizzo di immagini ottenute da una termocamera per effettuare misurazioni; purtroppo per destinare le immagini ad un utilizzo metrico è necessario conoscere e modellizzare le distorsioni che si creano con lo scatto.
Per misurare l'entità delle alterazioni si è deciso di creare un poligono di calibrazione (che per le macchine fotografiche tradizionali è una particolare figura di dimensioni note) che permettesse, studiandone le immagini, di misurare le distorsioni e quindi di generare immagini "non alterate".
Dopo moltissimi tentativi falliti, il miglior poligono si è dimostrato un tabellone stampato con una semplice scacchiera (bianca e nera di misure note) illuminato da fari molto caldi: la superficie bianca riflette molto più della parte nera la radiazione proveniente dalle lampade, generando anche nell'immagine termica una differenza di colorazione.
Mediante lo studio delle immagini raccolte è stato possibile, sfruttando lo stesso sistema utilizzato per le macchine fotografiche, estrarre i parametri di distorsione.
In conclusione, il lavoro realizzato è stato un'attività di ricerca che mi ha permesso di approfondire argomenti di ottica e di fotogrammetria, offrendomi la possibilità di lavorare per la creazione di un prototipo. I possibili sviluppi del lavoro contemplano l'utilizzo delle immagini termiche in sovrapposizione alle immagini visibili di cui la camera termica è dotata. In questo modo sarà possibile georeferenziare le due immagini e riferire l'immagine termica in modo univoco all'oggetto.


Intervista a Daria Tagliasacchi, stagista presso l'Associazione Industriali

Quale anno e corso stai frequentando?
Sto attualmente frequentando il secondo anno di ingegneria gestionale.
Quanto ti ha impegnato lo stage?
Lo stage è partito ad aprile e si è concluso ad ottobre. Da aprile a luglio sono stata contattata solo per svolgere qualche progetto o per partecipare a riunioni sporadicamente, dal momento che frequentavo le lezioni o dovevo sostenere esami. Da fine agosto a fine settembre invece sono andata tutti i giorni in full time. Da ottobre ho ripreso le lezioni, ma sono ancora in contatto con il mio tutor per continuare a seguire alcune attività, dal momento che per tutti e tre gli anni collaborerò con loro.
In quale azienda hai effettuato lo stage?
Ho effettuato lo stage presso l'Associazione Industriali di Cremona, in piazza Cadorna. In particolar modo ho collaborato soprattutto con il gruppo giovani industriali.
Come è iniziata questa esperienza formativa?
Ho potuto cogliere questa interessante opportunità grazie ad una borsa di studio per il merito che mi consente di fare un percorso molto stimolante caratterizzato da stage, corsi di inglese e corsi di approfondimento. Penso che al termine dei tre anni questa attività mi possa aiutare per la Tesi.
Quali sono stati gli obiettivi del progetto? Quali le principali attività che hai svolto?
Gli obiettivi principali sono stati la conoscenza delle diverse realtà aziendali del mio territorio e delle loro problematiche, la comprensione dei problemi della disoccupazione in Italia e delle sue cause. Infatti mi sono dovuta occupare delle assise delle scuole, l'incontro che si è tenuto con i docenti ed i presidi delle scuole del territorio e con i rappresentanti dei diversi enti locali ed associazioni per indirizzare meglio i ragazzi verso una scelta consapevole della scuola e per porli maggiormente a contatto con il mondo del lavoro. I risultati conseguiti sono stati la realizzazione delle assise attraverso incontri e riunioni, presentazioni e "format" di un progetto da proporre ai ragazzi di terza media. Ho anche realizzato una ricerca sul tema del fisco e del federalismo fiscale.
I rapporti tra azienda e Politecnico sono stati continuativi grazie alla presenza di un tutor in università, il professore Renga ed un tutor in associazione, il dott. Falanga.
Quali corsi svolti all'università si son dimostrati utili per svolgere lo stage?
Prevalentemente l'esame di economia aziendale.
Dai un giudizio sull'esperienza. Quanto è stato utile e in cosa? Ha risposto alle aspettitive?
L'esperienza è stata molto utile e produttiva, ha pienamente risposto alle mie aspettative; è stata utile per venire a contatto con una realtà diversa da quella scolastica, che diversamente non avrei potuto conoscere fino alla laurea, oltre che per apprendere problematiche della nostra società.
Quali sono i tuoi obiettivi formativi o lavorativi per il futuro?
Al termine della laurea triennale mi piacerebbe fare un Erasmus di un anno, per poi frequentare solo il secondo anno della laurea magistrale in Italia. Dopo la laurea magistrale non so ancora esattamente in quale ambito mi piacerebbe lavorare, per ora mi interesserebbe il mondo della finanza e della consulenza.


Intervista a Filippo Principi, stagista ad Aemcom

Quale anno e corso stai frequentando?
Ho appena iniziato il secondo anno di Ingegneria gestionale.
Quanto ti ha impegnato lo stage?
Lo stage si è svolto durante l'estate al termine del primo anno accademico ed è durato complessivamente due mesi. Settimanalmente mi impegnava dal lunedì al venerdì circa 8 ore al giorno.
In quale azienda hai effettuato lo stage?
In AemCom, l'azienda opera nel settore della banda larga connettività, voce, dati e internet.
Come è iniziata questa esperienza formativa?
L'iniziativa di Stage era inclusa come possibilità formativa nella borsa di studio percorso di eccellenza di cui sono beneficiario. L'azienda in cui ho effettuato lo stage, era la stessa che aveva finanziato la mia borsa di studio. Credo che complessivamente, lo stage potrà servirmi come spunto per un'eventuale tesi sugli argomenti approfonditi.
Quali sono stati gli obiettivi del progetto? Quali le principali attività che hai svolto?
Il mio obiettivo era fornire assistenza in fase di implementazione del software aziendale. Per fare questo, mi sono occupato della stesura della documentazione relativa ai vari reparti dell'azienda; inoltre mi sono occupato della ricerca di eventuali malfunzionamenti in fase di test.
Come sono stati i rapporti con l'azienda e con il Politecnico?
Il Politecnico ha seguito gran parte dell'attività burocratica che curava il mio tirocinio e si è dimostrato sempre disponibile per eventuali dubbi o chiarimenti. Il rapporto con la tutor aziendale era molto positivo. Infatti colgo ancora l'occasione per ringraziarla, in quanto si è mostrata sempre disponibile a chiarimenti e spiegazioni, nonostante le scarse conoscenze di base.
Quali corsi svolti all'università si son dimostrati utili per svolgere lo stage?
Prevalentemente il corso di Economia Aziendale, ma le conoscenze di base al termine del primo anno erano ancora scarse per l'adempimento dei compiti.
Dai un giudizio sull'esperienza
Il mio giudizio è molto positivo. Infatti mi è stato utile per capire le principali dinamiche aziendali e il rapporto con il cliente. Molti dei concetti affrontati nel tirocinio sono stati propedeutici alla comprensione di alcuni argomenti chiave che sto affrontando durante il secondo anno accademico.
Quali sono i tuoi obiettivi formativi o lavorativi per il futuro?
Per quanto riguarda il futuro, non so ancora dove e in cosa mi specializzerò o cosa mi piacerà fare di più, ma spero comunque di ricoprire un ruolo affine con il percorso di studi.

 Convegni   ↑ Top  

Il Linux Day a Cremona

Sabato 22 Ottobre il nostro polo ha accolto, come ogni anno, il Linux Day, la giornata per la diffusione del software libero. La manifestazione si tiene nella stessa giornata in tutte le città d'Italia in cui un Linux User Group (LUG) locale la organizza.
Il Linux Day di Cremona ha previsto diversi talk e workshop, un'area bazaar con postazioni a disposizione del pubblico, install-fest e soci a disposizione per dipanare ogni dubbio e curiosità riguardo a GNU/Linux e al Software Libero in generale.
I titoli delle conferenze del Linux Day sono stati:

  • Software libero, questo sconosciuto: alla scoperta delle licenze FOSS;
  • Digital Awareness: di Facebook, Google, Cloud Computing e compagnia cantante;
  • "Architerruta", ovvero l'architettura modulare dei sistemi GNU/Linux: dai mattoni alla casa;
  • Green ICT e FOSS: come si integra il software libero con le esigenze di efficienza energetica;
  • Music with GNU/Linux: digital home recording studio workshop;
  • Storia e cultura Hacker - gli anni d'oro dell'informatica.
Oltre agli interventi al Linux Day è sempre presente la "Toast machine", la macchina per masterizzare tutte le presentazioni della giornata e un ampio ventaglio di distribuzioni tra cui l'ultima versione della locale "Grigiorossa".
L'evento è stato patrocinato dal Comune e dalla Regione Lombardia.

  Rassegna stampa  ↑ Top  

Data

   Testata

   Titolo articolo

28/07/2011   LA PROVINCIA   POLITECNICO: ISCRIZIONI AL VIA
29/07/2011   LA PROVINCIA   UN CENTRO TECNOLOGICO PER PROGETTARE IL FUTURO
06/08/2011   LA PROVINCIA   CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA ISCRIZIONI E AMMISSIONI
17/08/2011   LA PROVINCIA   POLITECNICO, APERTE LE IMMATRICOLAZIONI
18/08/2011   LA PROVINCIA   LAUREA IN INGEGNERIA. VIA AI TEST D'AMMISSIONE
21/08/2011   LA PROVINCIA   POLITECNICO, CORSI PER I TEST
21/08/2011   LA PROVINCIA   IMMATRICOLAZIONI AL POLITECNICO
22/08/2011   LA PROVINCIA   CORSI PER PREPARARSI AL TEST
27/09/2011   LA PROVINCIA   LAUREE AL POLITECNICO
28/09/2011   LA PROVINCIA   POLITECNICO, ECCO GLI ECCELLENTI
12/10/2011   LA PROVINCIA   POLITECNICO, PIU' MATRICOLE
20/10/2011   LA PROVINCIA   ISTRUZIONE E RICERCA SONO FATTORI DI SVILUPPO

  Gli articoli della rassegna stampa sono in formato tiff.
  Per visualizzarli correttamente è consigliabile scaricare il plug-in gratuito Alternatiff disponibile al sito www.alternatiff.com

  Date utili    ↑ Top  

   Data

   Evento

04/11/2011

  Termine presentazione domanda per bando 150 ore

06/11/2011

  Termine iscrizione TOL recupero OFA INGLESE del 09/11/11 e TENG (riservato ai laureandi) del 09/11/11

09/11/2011

  TOL recupero OFA TOTALE, OFA INGLESE E TENG (riservato ai laureandi)

10/11/2011

  Inizio iscrizioni TOL recupero OFA INGLESE del 15/12/11 e TENG (riservato ai laureandi) del 15/12/11 e TOL OFA TOTALE del 16/12/11

10/11/2011

  Inizio sospensione lezioni per valutazione in itinere insegnamenti primo anno

14/11/2011

  Inizio sospensione lezioni per valutazione in itinere anni successivi

14/11/2011

  Termine presentazione domanda di ammissione al 2° semestre (sessione anticipata) della Laurea Magistrale

15/11/2011

  Inizio valutazioni di condizioni di ammissione al 2° semestre (sessione anticipata) della Laurea Magistrale

19/11/2011

  Termine sospensione lezioni per valutazione in itinere primo anno e anni successivi

26/11/2011

  Consegna prima rata della Borsa di Studio dei Percorsi di Eccellenza

30/11/2011

  Scadenza per rinuncia e rimborso prima rata per gli studenti iscritti al primo anno

07/12/2011

  Vacanza per S.Ambrogio - Santo Patrono di Milano

08/12/2011

  Vacanza per Immacolata Concezione

09/12/2011

  Chiusura di Ateneo

09/12/2011

  Scadenza acquisizione attestazione ISEEU

10/12/2011

  Chiusura di Ateneo

12/12/2011

  Termine iscrizione TOL recupero OFA INGLESE del 15/12/10 e TENG (riservato ai laureandi) del 15/12/10

12/12/2011

  Termine iscrizioni TOL recupero OFA TOTALE del 16/12/11

15/12/2011

  TENG (riservato ai laureandi)

15/12/2011

  TOL recupero OFA INGLESE

16/12/2011

  Termine valutazioni condizioni di ammissione al 2° semestre (sessione anticipata) della Laurea Specialistica

16/12/2011

  TOL recupero OFA TOTALE

16/12/2011

  Termine presentazione richiesta esonero tasse

17/12/2011

  Inizio iscrizioni TOL recupero OFA INGLESE del 18/01/12 e TENG (riservato ai laureandi) del 18/01/12

17/12/2011

  Inizio iscrizioni TOL recupero OFA TOTALE del 18/01/12

24/12/2011

  Inizio interruzioni lezioni per vacanze natalizie

08/01/2012

  Termine interruzioni per vacanze natalizie

15/01/2012

  Termine iscrizioni TOL recupero OFA TOTALE del 18/01/12

15/01/2012

  Termine iscrizioni TOL recupero OFA INGLESE del 18/01/12 e TENG (riservato ai laureandi) del 18/01/12

18/01/2012

  TENG (riservato ai laureandi)

18/01/2012

  TOL recupero OFA INGLESE

18/01/2012

  TOL recupero OFA TOTALE

19/01/2012

  Inizio iscrizioni TOL recupero OFA TOTALE, OFA INGLESE e TENG (riservato ai laureandi) del 13/02/12

21/01/2012

  Termine lezioni 1° semestre

23/01/2012

  Inizio sessioni d'esami

23/01/2012

  Inizio presentazione domande di laurea per appello del 27/02/12



  - PER RICEVERE LA NEWSLETTER CLICCA QUI
  - PER NON RICEVERE PIU' LA NEWSLETTER CLICCA QUI
  - PER LEGGERE LE NEWSLETTER PRECEDENTI CLICCA QUI