Se non visualizzi il messaggio in maniera corretta clicca qui 

 



 Newsletter
 Gennaio 2013
  Sommario 

Ricerca
Stage
Iniziative
Orientamento
Notizie
Convegni
Lettere
Rassegna Stampa
Date Utili

  Ricerca  ↑ Top

Inaugurazione del laboratorio A Rozzi della Fabbrica della Bioenergia

Giovedì 31 gennaio 2013 alle ore 17.00 presso il Politecnico di Milano – Polo Territoriale di Cremona, in via Sesto 39-41, si è tenuta l'inaugurazione del laboratorio A. Rozzi della Fabbrica della Bioenergia.
Il Laboratorio è stato realizzato per supportare lo sviluppo sostenibile del settore agroenergetico, con l’obiettivo di porsi come punto di riferimento per l'analisi delle matrici impiegate per la produzione di energia, negli impianti biogas, con una particolare attenzione alla valorizzazione dei sottoprodotti; una prospettiva, quest'ultima, alla quale Provincia di Cremona in collaborazione con i partners del progetto ha lavorato da più di tre anni a questa parte.
Il laboratorio è attrezzato con strumenti ed impianti pilota atti ad effettuare analisi chimico-fisiche e studi di ampio spettro inerenti la caratterizzazione di matrici di varia natura, la loro digestione anaerobica, il monitoraggio e l’ottimizzazione del processo.
Al servizio di aziende, professionisti ed enti interessati a realizzare analisi di potenziale produzione di metano (BMP), caratterizzazioni di prodotti e sottoprodotti ed altre misure, la nuova struttura collaborerà con il laboratorio LISA, già operativo, del DICA – Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale (ex DIIAR) del Politecnico di Milano.
Il programma dell'inaugurazione ha previsto, dopo il saluto del Prorettore del Politecnico Gianni Ferretti e del Presidente della Provincia di Cremona, nonché Capofila dell'iniziativa Fabbrica della Bioenergia,  Massimiliano Salini, l'intervento di Gianluca Pinotti, Assessore all'Agricoltura e all'Ambiente della Provincia di Cremona. Sono seguiti gli interventi dei partners della Fabbrica della Bioenergia: Gian Domenico Auricchio, Presidente della Camera di Commercio di Cremona, Fabio Araldi dell'Ersaf – Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste, Francesco Bordi, Assessore all'Ambiente del Comune di Cremona. Gli interventi sono terminati con quello di Francesca Malpei, Responsabile Scientifico della Fabbrica della Bioenergia.
Alle 18 è iniziata la visita al nuovo laboratorio ed infine, a conclusione dell'evento, ai partecipanti è stato offerto un aperitivo.
Per visualizzare l'invito e il programma clicca qui.

  Stage  ↑ Top

Intervista a Jonathan Canova, stagista presso l'Oleificio Zucchi

Ciao Jonathan, essendo ormai giunto alla fine degli studi in Ingegneria Gestionale, stai svolgendo lo stage previsto dal percorso applicativo. Quanto ti impegna?
Lo stage ha una durata di 4 mesi ed è partito ad Ottobre.
È stato interessante svolgerlo in questo periodo in quanto ho potuto constatare sulla mia pelle in che modo l’azienda “girasse” in periodo di budget di fine anno e subito dopo in avvio di produzione sulla base delle mission aziendali del 2013.
In linea di massima lo stage mi occupa le canoniche 40 ore settimanali; dico in linea di massima in quanto in accordo con il mio tutor aziendale Fausto Merli il mio orario è molto flessibile in base al lavoro giornaliero assegnatomi.
In quale azienda effettui lo stage?
Presso l’Oleificio Zucchi S.p.A., sito nella zona del porto canale nei pressi della periferia di Cremona.
Come si evince dal nome si occupa di oli da pasto, quali oli d’oliva e di semi; operante nel settore agroalimentare, la Zucchi è una piccola/media impresa che si sta lanciando sempre più nel mercato internazionale.
Come è iniziata la tua esperienza di stage?
La mia esperienza di stage è iniziata con una lunga e frastagliata ricerca di un professore che mi facesse da tutor in quanto “non mi ero svegliato per tempo”.
Son venuto a conoscenza di questa possibilità di stage tramite la bacheca avvisi posta di fronte alla segreteria del Poli di Cremona. A dire il vero sulla bacheca avevo visto un avviso datato aprile 2012. Gli argomenti proposti mi sembravano molto accattivanti in quanto citava di mappature dei processi, analisi critica dei fattori di successo e via dicendo. Incuriosito da tale proposta mi son rivolto alla segreteria la quale ha provveduto a contattare l’azienda fissandomi un colloquio. Al colloquio, svolto i primi di settembre, mi han proposto due possibili stage aziendali. Avendo quindi in mano una bozza delle tematiche del tirocinio formativo ho iniziato la ricerca del prof che mi seguisse. Fortunatamente, mediante la collaborazione dei prof che alla fine son riuscito a trovare, A.Perego e A.Tumino, ho potuto abbinare una Tesi al percorso di stage. Il titolo della mia Tesi è: Ottimizzare gli interventi manutentivi ai fini di una migliore efficienza produttiva: il caso MAX in Oleificio Zucchi.
Quali sono gli obiettivi del progetto? Quali i risultati?
Come si può evincere dal titolo della mia tesi l’obiettivo del mio stage è implementare un software gestionale denominato MAX. Tale gestionale è finalizzato alla riorganizzazione delle attività di manutenzione.
Schematizzando le attività che ho svolto per raggiungere l’obiettivo, posso dire che partendo da un primo periodo nel quale ho imparato a conoscere la realtà aziendale e il funzionamento del software, son passato, tramite una mappatura dei processi, all’implementazione del software.
La parte più lunga e impegnativa è sicuramente stato il successivo modellamento di MAX in base alle peculiarità dell’azienda. Infatti la Zucchi è fondamentalmente divisa in due aree, raffineria e confezionamento, ognuna delle quali ha un proprio ciclo lavorativo e quindi proprie esigenze specifiche.
Per quanto riguarda i risultati non posso dir nulla. Probabilmente un futuro tirocinante potrà dare una risposta in quanto per vedere miglioramenti significativi si deve attendere che venga ultimato questo ciclo riorganizzativo.
Detto in “soldoni”, mi son occupato di riorganizzare i dati relativi ai macchinari all’interno di MAX, ho redatto un modulo Excel che tenesse le statistiche degli interventi, ho spiegato ai capi manutentori (futuri utilizzatori di MAX) come consuntivare gli interventi effettuati all’interno del software; il problema principale è rimasto quello di pianificare le attività manutentive, operando in un'ottica di prevenzione delle rotture. Ora bisogna attendere un numero sufficiente di interventi per poter analizzare le statistiche e passare al piano preventivo.
Quali corsi svolti all'università si son dimostrati utili per svolgere lo stage?
Risposta sincera: un po’ tutti e un po’ nessuno. Sfido a trovare un tirocinante che alla sua prima esperienza lavorativa sappia già fare tutto senza bisogno di alcuna spiegazione/formazione aggiuntiva. Come diceva mio nonno “nessuno nasce imparato”!
E’ anche vero che ho potuto positivamente riscontrare come il Politecnico mi avesse formato: caso pratico, implementare il software in una parte dell’azienda. Io mi son occupato dell’area confezionamento mentre la parte raffineria era assegnata a un capo manutentore di tale reparto che lavorava all’Oleificio da anni. Grazie alla formazione ricevuta mi son accorto che la mia capacità di Problem Solving era enormemente più sviluppata: inconsciamente per risolvere il problema continuavo a farmi domande sempre più nello specifico fin quando trovavo la soluzione che calzasse a pennello col problema, sia nel aspetto tecnico/organizzativo sia dal punto di vista economico.



Intervista a Paolo Rizzello, tirocinante presso il Laboratorio Mobile del Polo

Ciao Paolo, da Giugno a Settembre hai svolto lo stage di 300 ore previsto dal percorso applicativo di Ingegneria Informatica. Come è iniziata la tua esperienza al Laboratorio Mobile del Polo?
L'esperienza di stage, o più precisamente di tirocinio, è stata un prosieguo del progetto software (esame dell'indirizzo informatico). Infatti, nell'anno accademico 2011-2012, scelsi un piano di studi con orientamento applicativo che prevedeva entrambi.
Il referente del Progetto Software di quell'anno era il Prof. Luciano Baresi con il quale, insieme anche al suo assistente Ing. Edoardo Vannutelli, dopo aver valutato alcune proposte, abbiamo deciso di accorpare le due esperienze. Quindi ho realizzato, in ambito di Progetto Software, un sistema di base. Su questo sistema ho poi aggiunto delle feature con il lavoro di tirocinio, che hanno riguardato principalmente l'integrazione nel sistema MWA (Mobile Wireless Accessibility) Control tramite l'utilizzo del MOM (Message-oriented Middleware) xmlBlaster.
Quali sono stati gli obiettivi del progetto?
L'obiettivo del progetto è stato quello di creare un ambiente simulato entro il quale far interagire uno o più utenti. A tale scopo abbiamo utilizzato un sensore di movimento (in particolare un kinect) e un proiettore posti di fronte all’utente utilizzatore.
Il compito del sensore di movimento è quello di rilevare l’esatta posizione dell’utente e riconoscere alcuni movimenti come gesture e spostamenti. Tali movimenti vengono interpretati/elaborati dal pc a cui è collegato il dispositivo.
Grazie all’ausilio del videoproiettore, viene fornito un output direttamente sulla pavimentazione dell’ambiente fisico che circonda l’utente.
Com’era organizzato il lavoro?
Il tirocinio è stato realizzato da giugno a settembre pertanto, anche per garantire la possibilità di frequentare le ultime lezioni e preparare gli esami, orari e giorni sono stati autogestiti. L'effettivo stato del progetto è stato verificato periodicamente mediante la definizione di alcune milestone.
Per tutto il corso del tirocinio ho fatto riferimento all'ing. Edoardo Vannutelli che mi ha fornito costante supporto.
Quali corsi svolti all'università si son dimostrati utili?
Il progetto ha riguardato lo sviluppo di un intero framework, pertanto è stato utile aver frequentato il corso di “Ingegneria del Software”, per le fasi di Object Oriented Analisys e Object Oriented Design, mentre nella stesura di algoritmi e strutture dati, sono stati una buona palestra i corsi di “Fondamenti di Informatica” e “Algoritmi e Principi dell'Informatica”. Infine il corso di “Architettura dei Calcolatori e Sistemi Operativi” è stato forse il punto cardine per garantire la corretta realizzazione del framework, nella quale mi sono scontrato con grosse problematiche legate alla concorrenza (esecuzione simultanea di codice).
Quanto è stata utile questa esperienza?
Quando mi hanno proposto di realizzare questa infrastruttura, ho accettato principalmente perché pensavo che, in futuro, non avrei più avuto modo di lavorare con il dispositivo kinect.
Oltre ad avermi arricchito da un punto di vista professionale, quest'esperienza mi ha permesso di espandere “i miei orizzonti” anche a quella che viene chiamata Interazione Naturale, ovvero il nuovo modo di concepire l'interazione fra macchina e utilizzatore.

  Iniziative  ↑ Top

Al Polo di Cremona il Mobile è di nuovo protagonista

Dopo il successo della prima edizione il Polo di Cremona del Politecnico di Milano ha organizzato per la seconda volta un corso interamente dedicato al mondo Mobile.
Come centro di competenza a livello italiano per i servizi Mobile il Polo cremonese offre la possibilità di comprendere le notevoli potenzialità del linguaggio HTML5 e come poterle sfruttare nella progettazione di Web Apps per dispositivi Mobile.
L'Ing. Edoardo Vannutelli Depoli, assegnista di ricerca del Mobile Lab, ha così presentato il progetto da cui nasce questo corso “A completamento del Mobile App Camp & Award, abbiamo avviato un’attività formativa continuativa sullo sviluppo di Mobile Apps che sarà composta da svariati corsi avanzati sulle tematiche più innovative legate allo sviluppo di App (sicurezza Mobile, sviluppo e sicurezza innovativi Android, integrazione dei sistemi di pagamento mobile, sviluppo crossplatform e Html5, ecc.). Primo appuntamento di questo ciclo è il corso breve ‘HTML5 orientato al Mobile’.”
L’iniziativa era rivolta a sviluppatori Web e Mobile, designer Web e Mobile, professionisti, manager e imprenditori interessati a conoscere le caratteristiche di business e le specifiche tecniche dell’HTML5 con particolare riferimento all’applicazione in contesto Mobile.
Mattia, Francesco e Daniele, ad esempio, sono stati mandati dalla ditta di Parma per cui lavorano allo scopo di incrementarne il concorrenziale know-how oltre che per creare un efficiente punto di incontro tra le unità web e mobile dell'azienda.
Il corso “HTML5 orientato al Mobile”, iniziato il 17 Gennaio e durato 5 giornate, ha previsto lezioni frontali affiancate ad esperienze di laboratorio dove si sono progettate e sviluppate applicazioni per Smartphone.
Il giudizio generale dei partecipanti è stato molto positivo, il corso è stato considerato ben strutturato e il docente assolutamente preparato.
Il Prorettore Gianni Ferretti sottolinea il valore dell’iniziativa dichiarando “Il successo della prima edizione e l’attualità dell’argomento trattato ci ha spinto a riproporre questa iniziativa per rispondere alle esigenze non solo da parte delle aziende del Settore Information & Communication Technologies ma anche da parte di tutti coloro che si avvicinano al mondo delle nuove tecnologie dell’informazione.”

  Orientamento  ↑ Top

17 Aprile 2013: Open Day per gli studenti delle superiori

 Mercoledì 17 Aprile 2013, si svolgerà la consueta Giornata di Orientamento e Informazione organizzata dal Polo cremonese.
 
Il programma prevede i seguenti appuntamenti:
 
9:00 – 10:15Corso di Laurea in Ingegneria Informatica
Presentazione del Corso di Laurea: Prof. Gianni Ferretti – Prorettore del Polo Territoriale di Cremona;
Seminario “L’informatica tra App e Social Network”: Ing. Edoardo Giorgio Vannutelli Depoli - Assegnista di ricerca esperto di sviluppo in ambito Mobile;
Testimonianza di un Laureato in Ingegneria Informatica.
 
10:30 – 11:45Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale – Organizzazione
Presentazione del Corso di Laurea: Prof. Mariano Corso – Delegato nel Consiglio di Corso di Studi di Milano per il Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale – Cremona;
SeminarioDecidi tu il prezzo: la strategia dei Radiohead per vendere musica”: Ing. Luca Gastaldi - Assegnista di ricerca e consulente del Politecnico (ICT in Sanità);
Testimonianza di un Laureato in Ingegneria Gestionale.
 
12:00 – 13:15Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale - Gestione Ambientale di Impresa
Presentazione del Corso di Laurea: Prof. Alessandro Casula – Docente di “Gestione ambientale d’impresa e delle energie rinnovabili”;
SeminarioImpresa e Ambiente: un fattore critico di successo”: Prof. Alessandro Casula – Docente di “Gestione ambientale d’impresa e delle energie rinnovabili”;
Testimonianza di un Laureato in Ingegneria Gestionale.
 
Verrà inoltre distribuito materiale informativo sull'offerta formativa dell'intero Ateneo.
Gli interessati potranno ritirare il volume "Politest" per la preparazione delle parti di Matematica,  Fisica e Comprensione Verbale della prova di ammissione.
Il programma dettagliato sarà consultabile a partire dal mese di febbraio nella sezione orientamento del sito del Polo.
Per motivi organizzativi è gradita la conferma della presenza alla Giornata compilando l'apposito form attivo dal mese di marzo.
 
Alle ore 15:00 gli studenti interessati potranno sostenere il Test On Line; maggiori dettagli su termini e modalità di iscrizione saranno pubblicati a breve su www.poliorientami.polimi.it.
 
Per maggiori informazioni sulle attività di orientamento del Polo di Cremona è possibile telefonare ai numeri 0372 567703-04 o inviare un'e-mail a orientamento@cremona.polimi.it.
L'Open Day di Ateneo si svolgerà il prossimo 23 Marzo presso il Campus di Milano Leonardo.
Informazioni sugli Open Day degli altri Poli sono disponibili su www.poliorientami.it


Il Polo si presenta agli studenti delle Superiori incontrandoli nelle loro scuole e città

Il Campus di Cremona del Politecnico parteciperà anche quest'anno a vari appuntamenti realizzati per orientare i ragazzi delle superiori nell'importante scelta del Corso di Laurea e dell'università da frequentare.
Giovedì 14 e Venerdì 15 Febbraio gli interessati potranno conoscere il Politecnico al Salone di Crema grazie ad uno stand informativo in cui potranno trovare materiale su tutti i Corsi di Laurea dell’Ateneo e attraverso una presentazione dell'offerta formativa. La manifestazione si svolgerà presso la sede di Crema dell'Università degli Studi di Milano, in Via Bramante, dalle 9.00 alle 13.00.
Il Polo cremonese inoltre ha già incontrato gli allievi di alcuni istituti superiori di Cremona, di Codogno e di Casalpusterlengo per presentare la sua offerta formativa.
Ricco è il calendario degli incontri d’orientamento dei prossimi mesi. Oltre a Casalmaggiore, Piacenza e Fidenza, il Campus di Cremona si farà conoscere anche dagli studenti più lontani della Sicilia e della Puglia. Infatti i ragazzi delle scuole di Palermo, Lentini, Lecce, Maglie e Casarano potranno assistere a presentazioni dell’offerta formativa e soddisfare ogni dubbio o curiosità chiedendo direttamente ai nostri docenti “inviati sul posto”.



10 e 11 Luglio 2013 - Campus Estivo nel Polo di Cremona del Politecnico di Milano

Il Polo di Cremona del Politecnico di Milano finanzia il soggiorno di 20 studenti particolarmente meritevoli che saranno selezionati per partecipare al Campus Estivo.
L’iniziativa si svolgerà il 10 e 11 luglio e nasce per far conoscere, anche a chi proviene da lontano, il Campus cremonese del Politecnico di Milano.
Durante questi due giorni sarà possibile visitare l’Università, assistere a presentazioni dell’offerta formativa ed a seminari tematici, ascoltare direttamente da chi studia a Cremona quali sono le reali opportunità che questo Polo universitario offre e scoprire le bellezze della città di Stradivari con una visita guidata e pernottando gratuitamente per due notti nel centro storico di Cremona.
 
Il programma dettagliato sarà disponibile, a partire da maggio, sul sito www.cremona.polimi.it.
 
Per maggiori informazioni è possibile telefonare ai numeri 0372 567703-04 o inviare un'e-mail a orientamento@cremona.polimi.it.

  Notizie  ↑ Top

Apertura serale del Campus

Da lunedì 14 gennaio è possibile studiare nel Campus di Cremona fino alle ore 24:00.
Il Polo, riconoscendo l’efficacia dell’apprendimento in gruppo e la tendenza degli studenti a collaborare nella preparazione degli esami, consente ai propri allievi di utilizzare gli spazi del Campus anche di sera fino alla mezzanotte. In questo periodo di esami non sarà raro studiare anche dopo cena!
In via sperimentale, per tre mesi, l’ orario di apertura è il seguente:
- dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 24:00;
- domenica dalle 9:00 alle 24:00.
L'apertura straordinaria riguarda le due aule studio del piano terra della Palazzina B.
L'accesso è consentito solo dall'ingresso del piano terra della Palazzina.
Durante l'orario di apertura straordinaria è presente personale di sorveglianza che registra gli ingressi.
In bocca al lupo a tutti gli studenti per i loro esami!

  Convegni  ↑ Top

Visioni futuribili: Cremona città “smart”

Il Polo di Cremona insieme alle associazioni ParteciPolis, AmbienteScienza e Creafuturo è promotore del convegno “Progetto Cremona” Opportunità Smart city che si terrà sabato 9 Febbraio alle 15.30 presso l'Aula Magna del Campus di Cremona del Politecnico in via Sesto 39.
Questo è il primo di due convegni finalizzati a concentrarsi sull’idea di un progetto di città in cui l’uso di infrastrutture informatiche e di tecnologie “intelligenti” aiuti a costruire una visione di futuro. L'intento è quello di conoscere esperienze italiane ed europee per immaginare Cremona come governo della complessità e del cambiamento, sistema di sistemi, motore di innovazione in termini di architettura sostenibile, valorizzazione dei beni culturali, integrazione dei servizi alle persone e alle imprese, efficienza energetica, mobilità e salvaguardia dell’ambiente e della salute e più in generale buona convivenza.
Dopo l'introduzione del Prorettore del Polo Gianni Ferretti, si alterneranno l'ingegnere Roberto Pagani, coordinatore nazionale Gruppo di Lavoro Kyoto Club SMART CITIES, docente al Politecnico di Torino presso il Dipartimento Architettura e Design, coordinatore progetti di Ricerca Europei per l’applicazione di fonti rinnovabili sul patrimonio edilizio e l'ing. Piero Pelizzaro, responsabile Cooperazione internazionale del Kyoto Club, del Progetto europeo “Patto dei Sindaci” e delle politiche di Adattamento ai Cambiamenti climatici.
I convegni sono aperti a tutti, in particolare a chi in città si occupa di questi temi e a chi, in città e nel territorio, occupa ruoli istituzionali. Si inseriscono in un percorso di partecipazione che ha lo scopo di pensare alla costruzione della nostra città.

  Lettere  ↑ Top

Intervista a Giuseppe Addeo, neolaureato in Ingegneria Gestionale

Ciao Giuseppe, lo scorso Settembre sei giunto alla conclusione della tua carriera triennale qui a Cremona.
Sei soddisfatto della scelta che hai fatto tre anni fa?
Sono molto soddisfatto, nonostante inizialmente fossi intimorito dalle difficoltà che avrei potuto incontrare lungo un percorso così impegnativo, il Politecnico si è rivelato non solo una scelta universitaria corretta per le mie esigenze e aspirazioni ma anche un'esperienza di vita seppur dura, indubbiamente positiva.
La vita universitaria è stata come te l'eri immaginata?
Sinceramente no, nel senso che il Campus di Cremona è molto accogliente e “familiare”, mi sentivo quasi come se fossi ancora alle superiori, in classi da 25/30 e in rapporto con i professori. Tutto ciò lo considero positivo poiché ha mantenuto la stabilità nelle mie abitudini quotidiane e mi ha permesso di poter studiare serenamente. Posso esserne certo ora che, alla specialistica, sono al Campus di Bovisa a Milano, e mi accorgo quanto, avendo modificato completamente il mio stile di vita non sia affatto d'aiuto per concentrarsi sullo studio; inoltre ora la vita universitaria è proprio come me la immaginavo quando avevo finito il liceo: campus grandi, una moltitudine di studenti, professori molto distanti, il singolo come una piccola, e per certi versi “insignificante”, parte del grande mondo universitario.
Tre anni e mezzo fa mi aspettavo la vita che sto facendo adesso, invece il Campus di Cremona a pochi minuti da casa, mi ha permesso di formarmi alla pari di uno studente milanese del Politecnico, senza dover scombinare le mie esigenze quotidiane, il che, per come sono caratterialmente, è un fattore decisamente importante.
Hai partecipato attivamente alle attività del Campus di Cremona?
No, in questo senso devo dire che la mia vita al campus è stata solo a scopi didattici: frequentavo assiduamente le lezioni e mi trovavo spesso nelle aule studio per studiare, da solo o in gruppo, ma al di fuori di ciò non ho partecipato in altro modo alla vita del campus. Questo proprio perché, come ho già avuto modo di dire, ho molte altre attività personali che era già difficile portare avanti, dato che le lezioni e lo studio richiedevano già una consistente parte della mia giornata.
Parlaci sinteticamente della tesi sulle applicazioni per cellulare con cui ti sei laureato insieme al tuo collega Paolo Ruffini. Perchè hanno avuto così tanto successo?
Il nostro lavoro di tesi riguardava lo studio dei casi di successo delle applicazioni mobile, e conseguentemente la realizzazione di un modello che racchiudesse i fattori accomunanti di tale successo. Abbiamo individuato uno schema tabellare che elencava i fattori racchiusi in macrocategorie e le loro rispettive qualifiche, studiando anche la loro variazione a seconda della categoria di App e del loro “ciclo di vita”, anche se più superficialmente dato il poco tempo a disposizione. E' stato molto interessante e motivante, ma ha richiesto anche molto lavoro e impegno, forse più di quanto i 3 crediti rappresentassero ma sicuramente la ritengo un'esperienza positiva. Per rispondere dettagliatamente alla domanda sul successo consiglio agli interessati di consultare la copia della tesi rilasciata alla segreteria del campus, mentre in breve posso dire che gli sviluppatori di App di successo hanno giustamente considerato una serie di variabili e le hanno contestualizzate al loro obiettivo di mercato: cioè oltre ad aver avuto l'idea giusta hanno portato avanti una buona executive per realizzarla, a differenza di altri che hanno affrontato il progetto in modo più “superficiale”.
Proprio dalla tesi è stata dettata la mia scelta dell'indirizzo della specialistica “ICT&Business Management”: ho già frequentato alcuni corsi in cui si è tornato a parlare del tema App Mobile, e avuto occasione di ritrovare alcuni dei tutor universitari milanesi che ci hanno aiutato nel corso dell'elaborazione della tesi a Cremona.
Quali aspetti degli studi in ingegneria gestionale ti sono piaciuti di più?
L'impostazione “problem solving” e di modellizzazione comune a tutti i corsi. In generale tutte le materie caratterizzanti l'indirizzo di studi gestionale sono state interessanti e i professori motivanti in tal senso. Se dovessi citarne una in particolare direi Gestione Aziendale.
Inizialmente la mia scelta fu l'indirizzo Informatico, ma poi capii che le mie attitudini e preferenze erano diverse e per fortuna, non dovendo sostenere nessun esame di integrazione, ho potuto cambiare a Gestionale, e son contento di questa scelta.
Cosa ti mancherà di più del Campus di Cremona?
Come ho ribadito più volte, il fatto che l'università cosi detta a KM Zero, ti dia l'opportunità di frequentare corsi di studi di “prestigio” senza dover per forza cambiare città e abitudini.
Ovviamente è una questione personale, c'è chi vede questo elemento positivamente, ma per me, nonostante mi piaccia girare e rompere le abitudini, se devo affrontare un cammino impegnativo e importante come quello del Politecnico, ho bisogno di stabilità psicologica, che fortunatamente ho trovato grazie al Campus di Cremona.
Ovviamente mi mancano anche tutte le conoscenze che già avevo prima e che ho avuto occasione di fare durante la triennale.
Ed ora che stai proseguendo gli studi sempre al Politecnico ma a Milano come ti trovi?
E' una realtà completamente diversa, molto più difficile affrontare in ambito universitario a mio parere. Non si tratta del fatto che gli esami siano più difficili o i professori più esigenti (anche perchè diversi professori del campus cremonese, provenivano proprio da quello milanese), mi riferisco all'ambiente della metropoli e dell'università grande in cui trovi spesso a dover affrontare situazioni difficili con le sole tue forze; agli studenti provenienti da tutta Italia, con cui ti trovi a confrontarti più o meno direttamente, alla vita lontano dalle conoscenze e abitudini di sempre: tutto ciò influisce sullo studio in modo non positivo, in che misura dipende ovviamente dalle attitudini caratteriali di ognuno.
Ma non voglio essere solo critico in senso negativo, il campus di Milano offre molte possibilità in termini di relazioni, esperienze, formazione, confronto, che a Cremona sono strutturalmente meno possibili.
Posso comunque dire che, avendo già passato un semestre a Milano, col tempo ci si abitua al nuovo ritmo potendo sperimentare più serenamente tutte le possibilità appena elencate; la risposta in sintesi è che seppur preferirò sempre il campus cremonese, superato il primo periodo difficile di adattamento, ora mi trovo bene a Milano e cercherò di sfruttare al meglio questi due anni.

  Rassegna stampa  ↑ Top

Data

   Testata

   Titolo articolo

31/10/2012   La Provincia di Cremona   Al Politecnico il secondo corso per usare Excel
01/11/2012   Il Sole 24 Ore   Ci vuole l'ingegno al potere
01/11/2012   Il Sole 24 Ore   Un governo di politecnici
07/11/2012   Cremona Oggi   Museo del Violino, sabato in città il ministro della cultura Ornaghi
07/11/2012   Il Piccolo   Il ministro Ornaghi in visita al museo del violino
09/11/2012   La Provincia   Com'è difficile avere 20 anni oggi
10/11/2012   La Provincia di Cremona   Museo del Violino, oggi visita del ministro Lorenzo Ornaghi
11/11/2012   La Provincia di Cremona   Il Museo del violino bene unico al mondo
28/11/2012   La Provincia di Cremona   Digitale, la grande occasione
30/11/2012   La Provincia di Cremona   Innovazione Tecnologica. Non perdere l'ultimo treno
04/12/2012   Il Sole 24 Ore   Sda Bocconi e Politecnico nel gotha europeo
10/01/2013   La Provincia   Da lunedì campus aperto fino alle 24
10/01/2013   La Provincia di Cremona   Corso breve di Html5 al Politecnico
11/01/2013   La Provincia di Cremona   Politecnico, torna il corso dedicato al mondo "Mobile"
12/01/2013   La Provincia di Cremona   Politecnico, corso sul mondo Mobile
01/02/2013   La Provincia di Cremona   Il laboratorio Rozzi è una realtà

Gli articoli della rassegna stampa sono in formato tiff.
Per visualizzarli correttamente è consigliabile scaricare il plug-in gratuito Alternatiff disponibile al sito www.alternatiff.com

  Date utili  ↑ Top

   Data

   Evento

31/01/2013

  Inaugurazione del Laboratorio di Fabbrica della Bioenergia

04/02/2013

  Termine presentazione domande di ammissione secondo semestre Laurea Magistrale

07/02/2013

  Termine inscrizione per il TOL recupero OFA totale, TOL recupero OFA - inglese e TENG del 11/02/2013

11/02/2013

  Sessione TOL recupero OFA totale e sessione TOL recupero OFA - inglese e TENG

11/02/2013

  Inizio modifica Piano degli Studi

14/02/2013

  Termine presentazione domande di laurea per l'appello del 26 Febbraio 2013

14/02/2013

  Ultima data esame laureandi e ultimo giorno utile consegna verbali per l'appello di laurea del 26 Febbraio 2013

14/02/2013

  Salone dello Studente di Crema

15/02/2013

  Salone dello Studente di Crema

18/02/2013

  Inizio immatricolazioni secondo semestre Laurea Magistrale

26/02/2013

  Appello di laurea

01/03/2013

  Fine sessione d'esame

04/03/2013

  Inizio lezioni secondo semestre

04/03/2013

  Termine pubblicazione esiti valutazione domande di ammissione secondo semestre Laurea Magistrale

04/03/2013

  Termine immatricolazioni secondo semestre Laurea Magistrale

04/03/2013

  Scadenza acquisizione attestazione ISEEU (solo per coloro che si immatricolano nel secondo semestre)

04/03/2013

  Inizio lezioni secondo semestre Laurea Magistrale

11/03/2013

  Termine modifica Piano degli Studi

11/03/2013

  Inizio modifica Piano degli Studi cartaceo

18/03/2013

  Termine modifica Piano degli Studi cartaceo

23/03/2013

  Open Day 2013 del Politecnico di Milano - Campus di Milano Leonardo

25/03/2013

  Termine ultimo presentazione ISEEU con attribuzione di mora

28/03/2013

  Inizio Vacanza Pasquali

31/03/2013

  Termine presentazione copia del modello CUD 2012 per gli studenti che hanno fatto domanda di esonero tasse come lavoratori dipendenti

03/04/2013

  Fine Vacanze Pasquali

15/04/2013

  Inizio presentazione domande di ammissione primo semestre a.a. 2013/2013 Laurea Magistrale (sessione anticipata)

17/04/2013

  Open Day 2013 del Politecnico di Milano - Polo di Cremona

25/04/2013

  Vacanza per Festa della Liberazione

26/04/2013

  Vacanza per Festa della Liberazione

29/04/2013

  Inizio sospensione lezioni per Prove in Itinere per gli studenti del primo anno

01/05/2013

  Vacanza per Festa del Lavoro

06/05/2013

  Inizio sospensione lezioni per Prove in itinere per gli studenti degli anni successivi

11/05/2013

  Fine sospensione delle lezioni per tutti gli studenti

13/05/2013

  Termine pagamento seconda rata tasse

13/05/2013

  Termine presentazione domande di ammissione primo semestre a.a. 2013/2013 Laurea Magistrale (sessione anticipata)

14/05/2013

  Inizio pubblicazione esiti valutazione primo semestre a.a. 2013/2013 Laurea Magistrale (sessione anticipata)



PER RICEVERE LA NEWSLETTER CLICCA QUI
PER NON RICEVERE PIU' LA NEWSLETTER CLICCA QUI
PER LEGGERE LE NEWSLETTER PRECEDENTI CLICCA QUI