Se non visualizzi il messaggio in maniera corretta clicca qui



 Newsletter
Gennaio 2010
  Sommario  

Orientamento
Notizie della Sede
Ricerche e Collaborazioni
Lettere
Tirocini e Tesi di Laurea
CESVIN - CEntro SViluppo e INnovazione
Rassegna Stampa
Date Utili

 Orientamento   ↑ Top  

19 Marzo 2010: Giornata di Orientamento nella sede di Cremona

Appuntamento immancabile per orientare e informare gli studenti delle superiori e tutti gli interessati è l'open day, che quest'anno si terrà venerdì 19 Marzo 2010 in via Sesto 39-41, Cremona.
Il principale appuntamento dell'open day è la presentazione, sia ad opera dei docenti che attraverso le testimonianze di studenti già laureati, dei corsi di laurea in Ingegneria Informatica, Ingegneria Gestionale orientamento Organizzazione e Ingegneria Gestionale orientamento Gestione Ambientale d'Impresa.
Il personale sarà a disposizione per fornire chiarimenti sui servizi e sugli aspetti organizzativi della vita universitaria.
I partecipanti avranno l’opportunità di visitare i laboratori di informatica, elettronica ed automazione per capire come le attività di laboratorio abbiano una rilevanza notevole per l’apprendimento dei diversi insegnamenti. Per approfondire particolari ed interessanti tematiche di ricerca ed avvicinare gli allievi delle scuole superiori ad argomenti tecnici, alcuni studenti esporranno la costruzione di modelli di simulazione e di circuiti elettrici.
Generalmente in occasione della giornata di orientamento è possibile sostenere una sessione del Test On Line valida per l'ammissione ai corsi di laurea in Ingegneria del Politecnico di Milano.
Sarà inoltre distribuito il materiale informativo sui Corsi di Laurea in Ingegneria dell'intero Ateneo.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare i numeri 0372 5677 03/04, inviare un'e-mail all'indirizzo orientamento@cremona.polimi.it o visitare la sezione del nostro sito www.cremona.polimi.it/orientamento dove sarà disponibile il programma completo della giornata.

 Notizie della sede   ↑ Top  

Salone dello Studente

Come ogni anno, il Politecnico di Milano era presente in fiera, dal 26 al 28 Novembre, all'edizione 2009 del Salone dello Studente il consueto evento nato per informare e orientare i giovani del territorio riguardo alle aree formazione, lavoro e tempo libero.
La sede di Cremona del Politecnico ha partecipato, accanto alle altre università, col suo spazio espositivo in cui docenti, studenti e personale si sono resi disponibili a dare informazioni e chiarimenti riguardanti corsi e vita universitaria. Inoltre, informazioni ed incontri legati all'offerta del Politecnico sono state fornite anche nell'area convegnistica della fiera, tramite presentazioni. Il programma del Politecnico prevedeva, oltre alla presentazione di Ingegneria, Architettura e Design, anche un laboratorio di informatica per la creazione di videogiochi, un seminario riguardante il software libero per la didattica ed un incontro sull'opportunità di diventare imprenditori.
Con le stesse modalità il Politecnico sarà presente anche a Crema il 18 e 19 Febbraio 2010 al salone Università e Lavoro presso il Polo Didattico e di Ricerca dell'Università degli Studi di Milano, Via Bramante 65.


Cerimonia di consegna di 10 borse di studio

Alla Fiera di Cremona, in occasione del Salone dello Studente, Sabato 28 Novembre 2009 si è effettuata la cerimonia di premiazione di 10 studenti neo iscritti alla nostra sede.
questi ragazzi meritevoli hanno ricevuto la prima rata di una borsa di studio di 5000 euro e potranno accedere ad un percorso formativo di eccellenza.
La selezione ha considerato i risultati scolastici, la formazione multidisciplinare e le capacità personali valutate anche attraverso colloqui individuali.
L'iniziativa, partita con notevole successo lo scorso anno accademico, è oggi alla sua seconda edizione e verrà ripetuta anche il prossimo anno. Il bilancio infatti è estremamente positivo: le 10 promettenti matricole selezionate nella prima edizione stanno frequentando il loro secondo anno di studio al Politecnico con brillanti risultati, hanno seguito due corsi di inglese, hanno svolto nei mesi estivi un periodo di stage e in primavera seguiranno un corso di Business Intelligence.
La finalità dell'iniziativa è formare giovani con un bagaglio non solo di solide conoscenze e competenze, ma anche di esperienze significative, in grado di affrontare il mondo del lavoro con flessibilità ed autonomia. In particolare l'ingegnere deve spesso collaborare a progetti di respiro internazionale in cui la conoscenza della lingua inglese è fondamentale.
Si tratta di un vantaggioso investimento volto a creare un circolo virtuoso: lo studente investe i suoi sforzi in una formazione di qualità con dei riscontri immediati; le aziende entrano in contatto con persone dinamiche e di valore che le stimolano anche nell'innovazione; il Politecnico di Milano fa crescere persone attive, intraprendenti, di merito pronte a rispondere ai repentini cambiamenti della realtà lavorativa e non solo, aiutando così anche le aziende.
Le borse di studio sono state offerte dalle seguenti aziende: Associazione Cremonese Studi Universitari (A.C.S.U.), Fondazione Arvedi Buschini, Guide per Cellulari Mobisofia Srl, Interactive Media S.p.a., Produttori Latte Associati Cremona (P.L.A.C.) e Wonder S.p.a.

 Ricerche e Collaborazioni   ↑ Top  

Un sistema robotico per il test degli strumenti ad arco

La valutazione della qualità acustica di uno strumento musicale è generalmente affidata a considerazioni di natura soggettiva, anche perchè è difficile effettuare una raccolta di dati e misurazioni per poter fare dei raffronti oggettivi. Una condizione molto importante per poter assicurare l'oggettività della valutazione dello strumento consiste sicuramente nell'escludere tutti quei parametri che possono influenzare il giudizio. E' da queste considerazioni che nasce l'idea di un tool robotico in grado di testare gli strumenti ad arco, coadiuvando il tradizionale lavoro di liuteria e introducendo un elemento di oggettività in un ambito dove le sensazioni e percezioni uditive sono fortemente influenzate da processi fisiologici e psicologici.
Nello specifico, nel progetto del tool robotico si sono posti i seguenti requisiti:
1. Escludere l'influenza del violinista: l'elemento umano introduce delle variabili che rendono estremamente difficile dare un giudizio neutrale sullo strumento. Basti pensare che un grande violinista può rendere apprezzabile e pregevole anche il suono di uno strumento di modesta fattura, falsando in tal modo ogni possibile giudizio.
2. Ripetibilità: la prova effettuata sullo strumento deve poter essere ripetuta nelle medesime condizioni e nel medesimo ambiente d'ascolto, per avere la certezza di ottenere un metro di giudizio equo nelle registrazioni delle prestazioni sonore.
3. Possibilità di utilizzo con vari strumenti ad arco: mentre infatti tutti i progetti che già sono stati affrontati in questo campo focalizzano la loro attenzione su uno strumento solo, il tool è in grado di eseguire test sulla maggior parte degli strumenti ad arco, ovviamente settando i vari parametri di moto, di controllo della forza e usando archi appropriati per ogni strumento.
4. Gradi di libertà strettamente necessari all'interazione controllata arco-corda: il posizionamento del tool è effettuato dal robot mentre i gradi di libertà necessari alla produzione del suono, determinato dallo strisciamento controllato dell'archetto sulle corde, sono solamente due, e sono realizzati dal tool.

 Lettere   ↑ Top  

Silvia Dernini: mamma, lavoratrice, studentessa

Tra impegni lavorativi e familiari sei riuscita a laurearti in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio. Prima di tutto parliamo di te. Lavoro e famiglia.
Lavoro nel settore pubblico, sono perito ecologo presso il settore ambiente della Provincia di Cremona. Mi sono occupata per i primi anni delle istruttorie tecniche relative al rilascio delle autorizzazioni agli scarichi in acque superficiali, attualmente gestisco le istruttorie tecniche relative al rilascio delle autorizzazioni alle emissioni.
Sono sposata, ho due bambine, Ilaria di sette anni e Agata di due.
Cosa ti ha spinto ad iscriverti all'università a 33 anni?
Sicuramente la tipologia e gli argomenti trattati nel mio lavoro sono stati importanti, ma credo che la motivazione principale sia la mia prima figlia, la sua freschezza, la curiosità con cui una bimba di un anno osserva il mondo e impara in modo semplice e naturale.
Credo veramente che a quell'età siamo tutti piccoli scienziati, con tanta voglia di metterci alla prova e con quella giusta dose di incoscienza necessaria ad affrontare una sfida.
Come ti sei organizzata?
Ho cercato di impegnarmi in modo costante mantenendo un buon ritmo di studio e frequentando il più possibile le lezioni e il tutoring. Il giorno era dedicato alle lezioni e al lavoro, la notte e i weekend allo studio.
Ho utilizzato le 150 ore annuali di diritto allo studio previste dall'art.15 del C.C.N.L. 2000 per frequentare le lezioni e le ferie quasi interamente per studiare e per frequentare.
Fondamentale è stata la presenza nella mia città della sede di studio, questo mi ha permesso un enorme risparmio di tempo ed energie. Mi sono dotata di scooter per minimizzare i tempi dei tragitti casa, lavoro, università.
La giornata durante il semestre era suddivisa principalmente così: accompagnavo la bimba a scuola, alle ore 8.00 ero in ufficio fino alle 9.30 - 10, dopodichè in università per le lezioni. Se previste anche nell'orario pomeridiano rimanevo in università, altrimenti mi recavo al lavoro alle 13 e continuavo fino al termine dell'orario pomeridiano in ufficio (ho sempre utilizzato anche la pausa pranzo). Alle 17 rientravo a casa passando a prendere le bimbe, giochi e racconti della giornata e cena tutti insieme con loro e poi, una volta messe a nanna le bimbe si cominciava a studiare. In questa organizzazione ho sempre avuto il completo appoggio di mio marito ed il suo enorme contributo nella gestione delle faccende domestiche. Preparare alcuni esami ha richiesto un enorme sforzo. Ho ancora il netto ricordo della montagna (non è un eufemismo..) di indumenti da stirare che mi ha accolto al mio rientro a casa al termine dell'esame di analisi matematica. In questi casi la determinazione è stata fondamentale. Vi sono momenti in cui mollare tutto e tornare ad una vita normale era il desiderio più grande, ma anche in questi casi lo sforzo già compiuto fino a quel punto mi ha aiutato a non rendere vani i sacrifici miei e della mia famiglia.
Ti sei laureata lo scorso Settembre. La laurea ha soddisfatto le tue aspettative?
La laurea è stata una grande soddisfazione, ma anche alla mia età rimane sempre un punto di partenza e non di arrivo, non mi aspettavo un cambiamento immediato. Le conoscenze acquisite hanno modificato ed ampliato l'approccio e le metodiche di svolgimento del mio lavoro. Credo fortemente nelle opportunità che potrò cogliere nel futuro grazie a questo titolo di studio.

 Tirocini e Tesi di Laurea   ↑ Top  

Intervista a Claudia Bolzoni e Francesco Albertini. Stage, tesi, lavoro

Lo stage è una possibilità formativa che solitamente si effettua al terzo anno in quanto può costituire oggetto di tesi. E' possibile proporre un'azienda di propria iniziativa o consultare gli annunci in bacheca davanti alla segreteria o sul sito della sede nella sezione bacheca studenti. Per informazioni è sempre possibile rivolgersi alla segreteria studenti.
Claudia e Francesco si sono laureati in Ingegneria Gestionale lo scorso Settembre, con una tesi relativa allo stage. Claudia è stata poi assunta dalla società in cui ha svolto il tirocinio.
Claudia e Francesco, in quale azienda avete effettuato lo stage?
Sirap Gema Spa, società del gruppo Italcementi, leader italiano nel settore dell'imballaggio alimentare, con sede a Verolanuova (BS).
Lo stage è durato 6 mesi a partire da Marzo 2009 e richiedeva un impegno settimanale di 4 giorni dalle 6 alle 8 ore giornaliere.
Come è iniziata la vostra esperienza di stage?
Cercavamo uno stage per toccare con mano la realtà aziendale e perchè volevamo portare come tesi di laurea un caso concreto. Così a gennaio 2009 il prof.Perego, docente di Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi, ci ha messo a conoscenza di questa opportunità e, dopo una serie di colloqui, siamo stati scelti.
Quali sono stati gli obiettivi del vostro progetto? Quali le principali attività che avete svolto?
Io e Claudia siamo stati inseriti all'interno della funzione Supply Chain. Siamo stati coinvolti in un progetto di ridisegno della rete logistico-produttiva con l'obiettivo di ridurre i costi di trasporto tra stabilimenti.
Francesco: mi occupavo di tematiche logistiche (trasporti); il mio tutor, responsabile della logistica produttiva, mi ha attivamente coinvolto in un processo di monitoraggio di costi logistici e di selezione di nuovi fornitori.
Claudia: io ero "l'addetta" del reperimento ed elaborazione dati, della creazione di file utili ai consulenti del Politecnico per svolgere determinate analisi. Oltre a questo, il mio tutor mi ha coinvolta in ambito di programmazione della produzione.
Quali corsi universitari vi hanno facilitato?
Durante i 6 mesi abbiamo messo in pratica le nozioni imparate soprattutto durante il corso di Gestione dei Sistemi Logistici e Produttivi tenuto dal prof.Perego, ma anche di Gestione Aziendale del prof.Castagna.
Date un giudizio sull'esperienza. Quali erano le vostre aspettative?
Francesco: cercavo un'esperienza che mi facesse comprendere il mio grado di preparazione e mi aiutasse a fare la giusta scelta per il futuro.
Claudia: essendo stata coinvolta in attività che mi interessavano sono stata molto soddisfatta di aver svolto uno stage. Avevo già le idee precise e questa opportunità ha confermato la ferma convinzione che il primo passo per entrare nel mondo del lavoro è imparare a studiare sui libri ma che oltre alla teoria c'è tanta pratica da tenere in considerazione.
Claudia, sei stata assunta dall'azienda. Di cosa ti occupi? Cosa è cambiato rispetto allo stage?
Inaspettatamente il 22 settembre (giorno della mia laurea), dopo aver ritirato l'attestato di Laurea il direttore della Supply Chain mi chiama e mi annuncia che dal 1° Ottobre avrei fatto parte del suo team. Ora ho un contratto a tempo determinato di 6 mesi (l'ex apprendistato) e sono stata inserita nella Logistica Distributiva, anche se per i primi due mesi sono stata il jolly della Supply Chain e questo mi è servito per apprendere rapidamente nozioni aziendali. Ad oggi principalmente mi occupo della gestione operativa dei flussi tra gli stabilimenti e magazzini di proprietà, monitoraggio costi di trasporto, gestione trasporti esteri. Il cambiamento dal ruolo di stagista a quello di impiegata riguarda l'impegno e la responsabilità nelle attività svolte ma per quanto riguarda i rapporti sociali con colleghi e dirigenti non è cambiato nulla.
Francesco, hai deciso di continuare gli studi. Che corso frequenti? Come ti trovi?
Nonostante il bel clima che respiravo in azienda, ho deciso di continuare gli studi e ora sono a Milano a seguire la specialistica nel nuovo indirizzo "Supply Chain Management".
Per ora sono contento della scelta fatta, anche se all'inizio ho avuto qualche difficoltà di ambientamento: corsi affollati, città nuova, ma soprattutto la lontananza da casa. Vivo in un campus nei pressi del quartiere Bovisa con due amici che si sono laureati con me a Cremona.


Produzione di biogas da digestione anaerobica di fanghi biologici: stima e proposta revisione impiantistica per un caso di studio
Tesi di Laurea in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio di Gloria Sara
Relatore Prof. Francesca Malpei
Correlatore Ing. Elena Ficara

Il lavoro di tesi si inserisce nella realtà aziendale del gruppo A2A, presso il sito Fertilvita, uno dei maggiori stabilimenti europei per il trattamento di rifiuti e fanghi biologici (scarti dell'industria alimentare, fanghi da depuratori civili, liquidi di lavorazione).
Sulla base dei dati forniti dall'azienda, riguardanti l'impianto, sono state effettuate elaborazioni al fine di valutare la produzione di biogas ottenibile dalla digestione anaerobica del materiale stoccato, mediante l'ottimizzazione del processo. Il processo di digestione anaerobica si compone di una serie di relazioni chimiche spontanee attraverso cui i ceppi batterici trasformano il materiale organico in biogas contenente significative percentuali di metano.
I valori ottenuti sono poi stati confrontati con i dati forniti dall'azienda stessa, con lo scopo di valutare gli incrementi di produzione ricavabili da opportune modifiche impiantistiche.
Tali incrementi di produzione si convertono in maggiori ricavi e in risparmio di materie prime: il biogas prodotto viene direttamente convertito in energia elettrica, immessa in rete o utilizzata dall'azienda, il tutto derivante da materie prime rinnovabili.
Le elaborazioni sono state svolte mediante l'utilizzo del software Aquasim, un software dedicato alle simulazioni tecniche per comparti acquatici. Sono state infine analizzate opportune modifiche impiantistiche atte a migliorare le condizioni del processo: riscaldamento della matrice entrante e coibentazione termica dei digestori.
Il lavoro svolto, oltre ad analizzare problematiche tecniche specifiche del settore, si inserisce anche in un'ottica di sensibilizzazione dei non addetti verso un argomento che spesso non incontra i favori dell'opinione pubblica.


Musica digitale: un'analisi del mercato ed alcuni studi del caso sulla mobile music
Tesi di Laurea in Ingegneria Gestionale di Stefano Cogoli e Michele Ratti
Relatore Prof. Filippo Renga
Correlatore Ing. Laura Cavallaro

Questo lavoro di tesi, svolto all'interno dell'Osservatorio Mobile Content & Internet del MIP, consiste in una analisi del mondo della musica digitale, con particolare focus nell'ambito del mobile, effettuata tramite l'analisi quantitativa, attraverso fonti primarie e secondarie, del mercato italiano ed internazionale e interviste dirette ai principali player operanti sul mercato.
Le principali problematiche riscontrate nel mercato della Digital Music sono state le seguenti:

  • Le diverse posizioni delle case discografiche nei confonti del Digital Rights Management.
  • La pirateria informatica, in particolar modo i protocolli peer-to-peer (P2P) e i sistemi di file sharing, che stanno influenzando in modo considerevole la crisi del settore discografico.
  • La crisi del formato fisico nella discografia tradizionale.
  • La difficoltà nell'adozione ed utilizzo delle nuove tecnologie, passando dalla diffusione sul territorio di reti internet ad alta velocità fino all'utilizzo di device mobili di ultima generazione, e nell'impiego di forme di pagamento alternative a quelle classiche.
  • L'incertezza dei grandi player del settore nell'individuazione di modelli di business efficaci.
In conclusione sono apparsi i seguenti risultati:
  • L'abbandono da parte delle case discografiche delle strategie fondate sull'utilizzo delle protezioni digitali dei files musicali, ritenendole controproducenti per la vendita dei propri prodotti.
  • L'affermazione di nuovi business models, secondo i quali la sottoscrizione di un abbonamento garantische accesso illimitato ai contenuti digitali.
  • Un cambiamento nelle strategie digitali delle compagnie di telecomunicazione (TIM, Vodafone, Wind, 3), che hanno optato per contenuti ritenuti più appealing per il consumatore, come giochi ed applicazioni per cellulare.
  • Un diverso posizionamento sul mercato da parte delle major discografiche, che hanno cercato di ridurre il più possibile il time-to-market attraverso i partner tecnologici, e di favorire maggiormente le esigenze dei consumatori, relazionandosi ad essi direttamente in ottica direct-to-consumer
  • La necessità di una legislazione contro la pirateria digitale che sia concreta, efficace e condivisa a livello mondiale.

Simulazione object-oriented di un elettrodomestico e del relativo sistema di controllo.
Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica di Luca Abbiati
Relatore Prof. Alberto Leva

Grazie alla commercializzazione di prodotti più efficienti, i consumi energetici nel settore degli elettrodomestici sono in notevole calo.
Attraverso una politica di riduzione di costi e consumi, dagli anni '80 ad oggi il progetto e l'applicazione di strategie di controllo sono migliorati parecchio.
La ricerca nel settore degli elettrodomestici ha l'obiettivo di studiare metodi matematici basati su dati empirici o teorici, per creare modelli il cui comportamento sia il più possibile simile al sistema reale, e applicare leggi di controllo per minimizzare i costi e massimizzare la produttività.
Questo studio prende in esame la pubblicazione di M.Milasi, M.Yazdanpanah e C.Lucas "Nonlinear optimal control of washing machine based on approximate solution of HJB equation", in cui sono proposti un modello matematico del secondo ordine di una lavatrice ricavato da dati empirici e, successivamente, una legge di controllo ottimo basata sull'equazione di HJB (Hamilton, Jacobi, Bellman) da applicare al modello.
Il lavoro ha avuto come obiettivo innanzi tutto di verificare la validità del modello attraverso la simulazione software e successivamente di studiare una legge di controllo che garantisca prestazioni del sistema comparabili con quelle ottenute nella pubblicazione.
Lo studio a cui ci si è riferiti ha dimostrato che l'utilizzo di una legge di controllo ottimo precisa, ottenuta con un approssimazione in serie di Taylor di ordine elevato, non solo porta ad un basso consumo energetico, ma rende anche più stabile il sistema in anello chiuso. Per questo motivo i segnali di riferimento utilizzati per la progettazione del controllore sono stati ricavati in base ai risultati ottenuti con la migliore approssimazione.
Per lo studio della nuova legge di controllo sono stati introdotti due regolatori industriali PID: dall'analisi del modello matematico, è risultato opportuno utilizzare un regolatore Proporzionale e uno Proporzionale Integrale.
Grazie alla simulazione nel linguaggio object-oriented Modelica e ai software di simulazione Dymola e di calcolo wxMaxima è stato possibile verificare che, a meno di un certo errore, le prestazioni del sistema in anello chiuso sono simili e comparabili con quelle di riferimento, confermando la validità dei risultati ottenuti.


Premio Acquisti Verdi alla tesi "Analisi di mercato e posizionamento strategico dei prodotti "eco-compatibili""
Tesi di Laurea in Ingegneria Gestionale di Stefano Apilongo e Simona Solvi
Relatore Prof. Alessandro Casula
Correlatore Ing. Gabriele Insabato

Nell'ambito della manifestazione Ecomondo, tenutasi a Rimini dal 28 al 31 Ottobre 2009, Stefano e Simona hanno ricevuto il Premio Acquisti Verdi, che nasce per stimolare ad affrontare nelle tesi temi collegati ai prodotti e servizi ecologici.
La crescente attenzione verso il mercato dei prodotti "verdi" è stata la spinta a svolgere questo lavoro di tesi e ricerca.
L'ambizione è stata quella di voler condensare in un unico testo tutta la conoscenza in merito ai prodotti eco-compatibili accumulata in un anno di ricerche. Il lavoro è stato quindi strutturato ponendo al centro dell'attenzione il prodotto verde e analizzando ciò che ne rende possibile la creazione: le imprese produttrici, i consumatori eco-sensibili, le normative vigenti in tema ambientale.
Il risultato della ricerca è frutto di un'indagine svolta tra le aziende italiane ed estere operanti nel settore dei prodotti eco-compatibili. E' stato sottoposto un questionario a centinaia di aziende e grazie alle risposte di circa 30 di esse si è elaborata l'analisi riportata nella tesi. La struttura adoperata nell'analisi mette in risalto gli aspetti principali di un mercato: domanda, offerta, competitor, consumatore e leve di marketing mix.
Nella realtà è facile constatare che la definizione di prodotto eco-compatibile non è univoca e che vi sono principalmente due filoni di pensiero: da un lato i prodotti che seguendo standard definiti, riducono gli sprechi d'energia e di materia prima, favoriscono la riduzione delle emissioni, seguono una produzione pulita e sono certificati ecologicamente. Dall'altra quei prodotti che testimoniano la possibilità e l'importanza del riuso e del riciclo.
Dall'indagine è emerso che un'azienda, per apportare benefici ambientali tangibili, debba riconsiderare i prodotti a partire dallo studio del loro ciclo di vita.
Ci si augura che questa ricerca possa servire come punto di partenza e come stimolo per l'approfondimento di temi che sono entrati a far parte del nostro quotidiano, e con i quali dovremo imparare a confrontarci in tempi brevi.

 CESVIN - CEntro SViluppo e INnovazione   ↑ Top  

WHYMCA - BarCamp sulle Mobile Community Application

Sabato 12 Dicembre la sede di Cremona del Politecnico ha accolto "WHYMCA - BarCamp sulle Mobile Community Application", una giornata di discussione, confronto e crescita sul tema delle mobile community application e dei widget mobile.
L'iniziativa era rivolta a sviluppatori, studenti universitari e non di discipline informatiche, appassionati e manager intenzionati a passare una giornata insieme, in un clima totalmente informale, per insegnare, imparare, ascoltare, partecipare a incontri e cogliere le nuove opportunità offerte dalle tecnologie mobile. Infatti, le applicazioni per cellulari e le community mobile stanno portando ad una vera e propria mobile revolution.
I partecipanti hanno potuto:
- iscriversi a speech e tavole rotonde sui temi trattati dai relatori della community (join);
- proporre un proprio speech o una tavola rotonda su temi legati al mercato mobile, alla tecnologia e al design delle applicazioni e dei widget, alle community e ai servizi mobile rivolti ad aziende e al pubblico (create);
- partecipare al concorso Vodafone per lo sviluppo di Widget 360 (play).
L'iniziativa è stata organizzata dal Cesvin in collaborazione con Smemoranda e Vodafone Italia.


RFID per la rilevazione delle presenze

Per conto di una Cooperativa Sociale operante sul territorio cremonese e specializzata nel promuovere il benessere e la qualità della vita delle persone anziane e dei soggetti con disabilità, CESVIN ha svolto un progetto di ICT Assessment finalizzato alla selezione di strumenti per rilevazione delle presenze degli operatori presso il domicilio del paziente.
Ci si è orientati verso una soluzione RFId (identificazione automatica in radiofrequenza) semplice: a ciascun operatore viene affidato un terminale di lettura, mentre all'assistito viene consegnata una tessera di riconoscimento anch'essa RFId. Quando l'operatore si reca a casa dell'utente, registra l'ingresso e l'uscita semplicemente avvicinando il terminale alla scheda. Alcuni terminali, inoltre, offrono la possibilità di selezionare la tipologia di prestazione che si sta erogando (es. pulizia, igene, ecc.). Quando l'operatore si reca in sede verranno scaricati i dati delle presenze dal terminale al PC. A partire da questi si potranno rendicontare le ore lavorate ed effettuare statistiche.


Programmazione e gestione degli interventi assistenziali

Cesvin ha elaborato un progetto per la ridefinizione dei processi di gestione di una cooperativa operante nel campo dell'assistenza sociale. La cooperativa dispone di 40 operatori con cui serve 160 utenti. L'intervento di Cesvin ha avuto l'obiettivo di sviluppare una applicazione web-based che fosse in grado di agevolare la fase di pianificazione degli interventi rendendo possibile un monitoraggio continuo e l'elaborazione costante di informazioni di sintesi e di monitoraggio.


Corso Certificazione Energetica CENED 2010

Cesvin ha organizzato, per il periodo gennaio-marzo 2010, un corso di Certificazione Energetica degli Edifici per l'abilitazione alla figura di Certificatore. La durata del corso è di 80 ore suddivise in 10 lezioni da 8 ore ciascuna, e prevede un percorso parallelo di 4 giornate di aggiornamento per quanti sono già certificatori (con analisi della nuova normativa, della nuova procedura e utilizzo del nuovo software per il calcolo della certificazione). Il corso, iniziato lunedì 18 gennaio 2010, si svolge ogni lunedì presso la sede di Cremona del Politecnico di Milano e durerà fino a lunedì 22 marzo 2010.

  Rassegna stampa  ↑ Top  

Data

   Testata

   Titolo articolo

28/11/2009   LA PROVINCIA   POLITECNICO: UNA SCUOLA PER PROGETTARE IL FUTURO
29/11/2009   LA PROVINCIA   GIOVANI CREATIVI DA PREMIO
02/12/2009   IL SOLE 24 ORE   OCCUPAZIONE GARANTITA PER LA CATEGORIA
04/12/2009   CORRIERE DELLA SERA   L'EFFETTO LAUREA SUGLI STIPENDI? FINO A 15 MILA EURO IN PIU' L'ANNO
29/12/2009   LA PROVINCIA   PASSO VERSO L'UNIVERSITA'
19/01/2010   CORRIERE DELLA SERA   SOFFRONO MARKETING E PUBBLICITA'. SALVI I SUPERTECNICI

  Gli articoli della rassegna stampa sono in formato tiff.
  Per visualizzarli correttamente è consigliabile scaricare il plug-in gratuito Alternatiff disponibile al sito www.alternatiff.com

  Date utili    ↑ Top  

   Data

   Evento

18/01/10

  Inizio presentazione domande di laurea per l'appello del 22 Febbraio 2010

20/01/10

  Inizio iscrizioni per il TOL recupero OFA totale ed il TOL recupero OFA - inglese del 09/02/2010

23/01/10

  Termine lezioni primo semestre

25/01/10

  Inizio sessione d'esame

25/01/10

  Inizio iscrizioni per il TENG del 04/02/2010

29/01/10

  Termine presentazione copia dello stipendio relativo al mese di dicembre 2009 per gli studenti che hanno fatto domanda di esonero tasse come lavoratori dipendenti

02/02/10

  Termine iscrizioni per il TENG del 04/02/2010

02/02/10

  Termine iscrizioni per il TOL recupero OFA totale ed il TOL recupero OFA - inglese del 09/02/2010

04/02/10

  TENG mese di febbraio

05/02/10

  Inizio iscrizioni per il TENG del 05/03/2010

08/02/10

  Termine presentazione domande di laurea per l'appello del 22 Febbraio 2010

09/02/10

  TOL recupero OFA totale ed il TOL recupero OFA - inglese

10/02/10

  Ultima data esame laureandi e ultimo giorno utile consegna verbali per l'appello di laurea del 22 Febbraio 2010

10/02/10

  Inizio iscrizioni per il TOL recupero OFA totale ed il TOL recupero OFA - inglese del 04/03/2010

15/02/10

  Inizio modifica Piano degli Studi per gli studenti iscritti al primo anno

18/02/10

  Inizio Vacanze Carnevale Ambrosiano

18/02/10

  Salone dello studente di Crema

19/02/10

  Salone dello studente di Crema

20/02/10

  Termine Vacanze Carnevale Ambrosiano

22/02/10

  Appello di laurea

27/02/10

  Fine sessione d'esame insegnamenti primo anno

01/03/10

  Inizio lezioni secondo semestre insegnamenti primo anno

01/03/10

  Inizio modifica Piano degli Studi per gli studenti iscritti agli anni successivi

01/03/10

  Termine iscrizioni per il TOL recupero OFA totale ed il TOL recupero OFA - inglese del 04/03/2010 e per il TENG del 05/03/2010

04/03/10

  TOL recupero OFA totale e TOL recupero OFA - inglese

05/03/10

  TENG mese di marzo

06/03/10

  Fine sessione d'esame insegnamenti secondo e terzo anno

08/03/10

  Termine modifica Piano degli Studi per gli studenti iscritti al primo anno

08/03/10

  Inizio lezioni secondo semestre insegnamenti secondo e terzo anno

15/03/10

  Termine modifica Piano degli Studi per gli studenti iscritti agli anni successivi

19/03/10

  Open Day 2010 del Politecnico di Milano sede di Cremona

27/03/10

  Open Day 2010 sede di Milano

31/03/10

  Termine presentazione copia del modello CUD 2009 per gli studenti che hanno fatto domanda di esonero tasse come lavoratori dipendenti



  - PER RICEVERE LA NEWSLETTER CLICCA QUI
  - PER NON RICEVERE PIU' LA NEWSLETTER CLICCA QUI
  - PER LEGGERE LE NEWSLETTER PRECEDENTI CLICCA QUI